watch

innodriver: Piattaforma biobanking per dati biometrici

Durante il 2020 abbiamo partecipato ad un bando compreso nel programma “Operativo Regionale 2014-2015” con l’obiettivo di favorire gli investimenti in favore della crescita e dell’occupazione. 

Grazie alla vincita del bando, abbiamo potuto realizzare un progetto davvero interessante con il concorso di risorse dell’Unione Europea, dello Stato italiano e della Regione Lombardia. Il progetto è stato cofinanziato a valere sulle risorse POR FESR 2014-2020”

Di cosa si tratta?

Il progetto ha come obiettivo lo sviluppo di una piattaforma avanzata per la gestione e l’integrazione di biobanking basata sulla tecnologia blockchain.

La creazione della piattaforma è focalizzata sul concetto di privacy by design e by default, e quindi nativamente conforme alla normativa GDPR, con particolare attenzione alla possibilità da parte dell’utente di gestire in modo autonomo ed indipendente i propri dati, tra cui quelli biometrici. La tecnologia blockchain, oltre a permettere l’implementazione di questa declinazione del paradigma della self sovereign identity, consente inoltre di rendere trasparenti, certificabili, notarizzati e completamente verificabili tutti i processi di trattamento e gestione dei dati (ad esempio per l’esecuzione di trial clinici). 

Il grado di innovazione conseguito grazie al progetto realizzato è elevato, in quanto tale progetto ha consentito la realizzazione e messa in opera di idee innovative presentate all’interno della pubblicazione scientifica “Acknowledging Value of Personal Information: a Privacy Aware Data Market for Health and Social Research”, scritta da Francesco Bruschi, Vincenzo Rana, Alessio Pagani e Donatella Sciuto e presentata al 3rd Distributed Ledger Technology Workshop (DLT 2020), tenutosi ad Ancona, in Italia, nel 2020.

A differenza di tutti gli approcci presenti attualmente sul mercato, nel progetto di ricerca realizzato viene proposto uno scenario innovativo, all’interno del quale agli utenti vengono forniti incentivi (eventualmente anche economici) per partecipare al mercato dei dati realizzato, in modo tale che gli altri attori coinvolti abbiano la possibilità di recuperare la maggior quantità possibile di dati, lasciando la proprietà (non soltanto legale, ma anche fisica) degli stessi in mano agli utenti, e consentendo loro di rivelare anche solo parzialmente, e in cambio di prodotti, servizi o valore (es: dietro pagamento), agli altri attori coinvolti (come gli enti di ricerca) le informazioni a loro necessarie. La piattaforma realizzata rappresenta quindi un nuovo strumento per tutte le società o gli enti che necessitino di questo tipo di dati per effettuare le loro elaborazioni e la loro ricerca.

contattaci per maggiori informazioni